La prima volta e i contraccettivi

salute 1I studi, hanno dimostrato, che per la loro prima volta i giovani si decidono intorno ai 17 anni d’ età. Chiesti, i giovani, quali devono essere i tre più importanti fattori, che si devono verificare per compiere “la prima volta”, elencano prima di tutto la maturità, la quale fa che essere umano e cosciente di quel’ che vuole e quel’ che fa. Al secondo posto è necessità di avere il partner giusto, con il quale si sente sicuri e rilassati, e al terzo posto i contraccettivi.  Ma le ricerche svolte in questo tema “ Sessualità di Tempi Odierni e Contraccettivi Moderni dei Polacchi 2014” hanno dimostrato, che ultimo fattore è spesso sorvolato. (1) Una delle prime forme di contatti sessuali che praticano i giovani è petting. In media procede per due anni l’atto sessuale. Circa 40% delle donne e uomini confessa che ha fatto petting tra 13 e 15 anni (2). “ Questo metodo di contatto sessuale permette ai partner di abituarsi con il proprio corpo, senza dei timori di una gravidanza indesiderata – sottolinea sessuologo Michal Pozdal.

 

La paura delle gravidanza indesiderata accompagna i nostri  primi contatti sessuali, perché i giovani che si decidono ai rapporti sessuali non si preoccupano dei contracettivi.

 

Perché succede questo?

 

I medici e sessuologi sottolineano, che quello proviene dalla scarsa informazione, dalla paura di andare dal ginecologo, dalla convinzione sulla verità dei miti e sottovalutazione dei rischi e di convinzione, che “a me questo non capiterà”. Dalle mie osservazioni emerge,  che i giovani conoscono poco il loro corpo, il ciclo mestruale, sanno poco di contraccezione. Sono convinti che durante il ciclo mestruale non si può rimanere incinte  che alla prima volta non accade e che il rapporto interrotto è un contraccettivo sicuro. Certamente tutte queste convinzioni sono sbagliate – sottolinea dott. Ginecologo Grzegorz Poludniewski.

 

Esperto fa notare, che la causa della mancanza di prevenzione tra le donne giovani può essere la convinzione che non dovrebbero usare dei  metodi ormonali. Invece secondo WHO e di tutti standard medici non ci sono le precauzioni per usare dei ormoni dalle giovani donne, le quali hanno finito il periodo delle crescita delle ossa. In più la terapia ormonale, che può prescrivere il medico alle giovani donne, porta molti vantaggi per il futuro, diminuisce rischio delle infiammazioni, delle cisti e fibromi e lo sviluppo del endometriosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>